Quinto cedibile e pignoramenti sulla busta paga

La presenza di pignoramenti sulla busta paga incide sulla determinazione della quota cedibile. Anche la situazione opposta, la presenza di una quota già ceduta, limita l'entità di ulteriori pignoramenti.

La determinazione della quota cedibile è una operazione piuttosto semplice nella maggioranza delle situazioni: dividendo il netto in busta paga (o da cedolino pensione) per cinque si ottiene quale è il massimo che si può impegnare per la cessione del quinto.
Un elemento da valutare, però, per rilevare con certezza a quanto ammonta la quota è la presenza, sia per i lavoratori che per i pensionati, di pignoramenti. L'esempio tipico è il pignoramento per alimenti a seguito di una separazione / divorzio, corrisposto da un coniuge all'altro per il mantenimento della prole.
Possono presentarsi due casi:

Nel primo caso si dovrà considerare il pignoramento preesistente per determinare la quota cedibile in funzione della quota residuale dopo pignoramento e cessione.
In base all'art.68 del DPR 180/1950, il criterio di calcolo è il seguente: determinazione dei due quinti della retribuzione netta e sottrazione da questo importo delle quote già pignorate per alimenti. Questa operazione determina l'importo massimo cedibile.

Nel secondo caso il pignoramento interviene su una busta paga con quota già ceduta. In questo caso è il pignoramento ad essere limitato per legge: questo infatti non potrà superare l'importo che, sommato al quinto ceduto, superi la metà della retribuzione.
Es. pratico:


-----
Domanda posta il 15-09-2014
sono un ex dipendente del ministero del tesoro, passato poi alle dipendenze della Provincia.
quando lavoravo per il ministero, ho contratto una CQS e una Delega, per un totale di euro 721,00.
ho già pagato i due quinti di entrambi i finanziamenti, ma l'amministrazione non mi rilascia l'autorizzazione a rinnovare, perchè il totale delle trattenute supera i 2\5 dello stipendio.
posso richiedere di far ridurre le trattenute?
se si, quali articoli posso citare?
risposta:
Gentile Utente,
il rinnovo della cessione e delega passa per l'estinzione dei precedenti prestiti e la stipula di nuovi.
Di conseguenza Lei può rinnovare, e i nuovi prestiti saranno basati sulla nuova quota cedibile.
La somma delle due trattenute non dovrà superare i due quinti dello stipendio.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 04-09-2014
Buonasera.
Percepisco uno stipendio 1300 euro, in busta paga ho una cessione delega decennale.
cessione 330 euro
delega 332 euro, sono trascorsi 3 anni. Mi possono pignorare oltre cessione e delega?
Grazie
risposta:
Gentile Utente,
si, può essere pignorata la quota che va dalla somma delle due cessioni in corso alla metà dello stipendio iniziale.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 16-01-2014
avrei bisogno di un aiuto:
Stipendio 1700;
Cessione 320
Prestito delega 295
Rimanein busta 1100
Sto aspettando un pignoramento domanda:
Quanto possono pignorare?
risposta:
Gentile Utente,
potranno pignorare circa 250 euro, ossia la differenza tra il Suo netto dopo cessione e delega, quindi 1.100 euro, e la metà del Suo netto complessivo, ossia 850 euro, importo al di sotto del quale non può essere ridotta la Sua retirbuzione netta finale.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 16-01-2014
Buongiorno,
vorrei sapere se la quota per il pignoramento dello stipendio aumenta in funzione dell'aumento dello stipendio.
Mi spiego, se ho uno stipendi di 1200 euro quando parte il pignoramento e dopo 2 anni ho un avanmzamento di livello che mi porta a percepire 1300 euro anche la quota del pignoramento aumnta o rimane invariata in base alla data del pignoramento?
Grazie
risposta:
Gentile Utente,
la quota ceduta per la cessione del quinto rimane la stessa per tutta la durata del finanziamento, a prescindere dagli aumenti di stipendio.
Se si rinnova, invece, potrà essere fatta valere la maggiore retribuzione (e relativa quota cedibile) perché si sta, a tutti gli effetti, stipulando un nuovo contratto di prestito.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 19-12-2013
Vorrei sapere se il pignoramento del quinto viene calcolato solo sul netto base dello stipendio o vengono - percentualmente pignorate - anche eventuali straordinari e bonus?
Qual è la normativa che regola la materia. Grazie
risposta:
Gentile Utente,
viene pignorato un quinto di quanto riportato sul certificato di stipendio, e quindi eventuali voci aggiuntive in busta paga non entrano nel calcolo.
Del resto, anche a rigor di logica, entrate variabili come, ad esempio, straordinari o rimborsi trasferta, non hanno una caratteristica di certezza e continuità ed un pignoramento che intervenisse su di esse sarebbe, del pari, incerto e discontinuo.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 16-12-2013
Possono togliere anche un quinto dalla tredicesima e quattordicesima?
nonostante lo tolgono gia in ogni retribuzione mensile.
risposta:
Gentile Utente,
no, il pignoramento in busta paga avviene solo sulle 12 mensilità ordinarie.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 22-09-2013
indennita chilometrica è pignorabile?
risposta:
Gentile Utente,
se corrisposta a titolo di rimborso no, altrimenti si.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 17-04-2013
buongiorno, in riferimento alla vostra risposta del 3-4-2013, il 50% della capienza di riferisce solo al reddito da pensione o fa reddito anche un'indennità di accompagnamento?
grazie
risposta:
Gentile Utente,
l'indennità di accompagnamento non va cumulata al reddito da pensione in sede di calcolo della quota cedibile.
Tale indennità non è pignorabile ed è destinata al pagamento di una terza persona (accompagnatore).
Cordialità.
La redazione

-----
Domanda posta il 16-04-2013
BUONGIORNO, SONO UN DIPENDENTE DELL'ASP, SULLA BUSTA PAGA HO UNA CQS, UNA DELEGA E UN PIGNORAMENTO; HO UN'ALTRO PIGNORAMENTO ACCODATO, HO FATTO RICHIESTA DI RINNOVO CQS IN QUANTO SONO TRASCORSI I 2/5 DEL PERIODO, MA LA MIA AMMINISTRAZIONE ME LO HA NEGATO CITANDO GLI ARTICOLI 68 E 69 DEL DPR.
SECONDO VOI è POSSIBILE?
GRAZIE
risposta:
Gentile Utente,
gli articoli citati regolano la coesistenza di altri pignoramenti, sia antecedenti che successivi, oltre la cessione del quinto (art. 68) e il prestito con delegazione di pagamento (art. 69).
A nostro modo di vedere è la presenza di un pignoramento accodato che limita la fattibilità dell'operazione più dei limiti nel rapporto reddito - debito descritti negli articoli prima citati.
Cordialità.
La redazione

-----
Domanda posta il 03-04-2013
Buongiorno, mio padre ha una cessione quinquennale del V su una pensione di 1132 euro (che scadrà ad ottobre 2013). Percepisce inoltre una indennità di accompagnamento INPS di 500 euro. Ci è appena stato notificato da Equitalia un debito con la cassa geometri, riferita ad anni 2006-2007. Cosa può fare Equitalia e cosa conviene fare a noi, visto che lui è in casa di riposo, ormai non più in grado di intendere?... grazie se vorrete rispondermi. Angela
risposta:
Gentile Utente,
il debito in essere, in caso di insoluto, determinerà un pignoramento che verrà effettuato sulla pensione di Suo padre fino a capienza (massimo limite è il 50% complessivo fra tutti i pignoramenti).
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 26-03-2013
La presenza di una cessione del quinto diminuisce l'imponibile IRPEF?
risposta:
Gentile Utente,
no, non incide sulla determinazione dell'imponibile.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 18-03-2013
Il calcolo del pignoramento del quinto si fa sul netto del stipendio o sulla quota che resta dopo di togliere gli alimenti per mio figlio e mia moglie(SEPARATI)
risposta:
Gentile Utente,
il calcolo viene fatto a partire dallo stipendio netto.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 14-03-2013
L' azienda per cui lavoro mi applica la cessione del 5 per un debito verso un privato, il giudice ha decretato la cessione del 5, l'azienda mi tarttiene il quinto sul netto ma in busta ci sono i rimborsi km e spese che anticipo per l'azienda e giusto oppure non possono toccare i rimborsi e le spese grazie
risposta:
Gentile Utente,
i rimborsi chilometrici e le spese anticipate non vanno conteggiate nella determinazione della quota cedibile.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 06-03-2013
perchè se il pignoramento è i l quinto a mio marito gli tolgono un quarto e gli viene calcolato il lordo e non il netto in busta paga. il pignoramento è per mantenimento
risposta:
Gentile Utente,
un pignoramento per mantenimento può essere di valori diversi al quinto, ma la trattazione di questi tipi di pignoramento esula dall'obiettivo e dalle conoscenze di chi scrive in questo sito.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 22-02-2013
VOLEVO SAPERE CON UNA BUSTA PAGA DI EURO 1200 E UNA CESSIONE DI QUINTO PARI A 280 EURO E' POSSIBILE CHE AVVENGA UN PIGNORAMENTO? SE SI A QUANTO AMMONTEREBBE? GRAZIE SILVIA
risposta:
Gentile Silvia,
come spiegato nell'articolo, se il pignoramento è successivo alla cessione, allora l'importo massimo pignorabile è quello che, sommato alla cessione stessa, raggiunge la metà del reddito del debitore.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 13-02-2013
salve,sono un operaio metalmeccanico, e al momento del contratto, al netto guadagnavo 1800e,facendo turno notturno, e pago tutt'ora quinto e delega in base al netto. dal momento che è il 20 % quel che pago, ora che l'azienda e in crisi e la notte e stata tolta, sto mese o preso intorno hai 1400e di netto, e volevo sapere, pagando la stessa cifra di rate, non è più il 20 % quasi il 30 % e per quanto ne so non una cosa legale, perchè la finanz non fa niente o non dice niente, come l'azienda che a mio parere dovrebbe pagare le rate in base al netto e non in base al contratto. perchè a questo punto, io come altri miei colleghi nello stesso stato, non avendo niente di intestato, ci conviene licenziarci e non pagare più niente. di saldo o preso 270e ditemi voi come si può andare avanti cosi!

Vorrei inoltre sapere, se la legge dice non più del 20% sul netto, perchè se ne prendo in totale di saldo 1400 piu o meno ne devo pagare 370 che va oltre il 20%???
risposta:
Gentile Utente,
la quota massima cedibile in una cessione del quinto dello stipendio è del 20% della retribuzione netta. Lo stesso dicasi per il prestito delega. Quindi, complessivamente, si potrà raggiungere il 40% dello stipendio netto in busta.
Lei afferma di pagare, in tutto, il 20% che, a causa della riduzione dello stipendi, è diventato un 30%. Tale valore rientra ancora nella somma delle quote cedute. Il fatto che abbia avuto, nel mese precedente, un saldo così basso è dovuto alla presenza delle imposte sul reddito (IRPEF) che non sono state scalate mese per mese correttamente e quindi hanno originato un saldo a debito così elevato.
Per quanto dice la legge che regola la cessione del quinto, la 180/50, è indicato, all'articolo 35, che in caso di riduzione dello stipendio inferiore ad un terzo nulla varia sulla quota trattenuta.
Un ulteriore controllo che può fare è verificare le clausole della polizza assicurativa (rischio vita e rischio impiego) che riguardino l'argomento di cui stiamo parlano.
Infine, qualora giudichiate che le quote siano insostenibili, escludendo la combinazione che si è verificata nel mese con saldo ridottissimo, potrete verificare, insieme con la finanziaria, la possibilità di una rinegoziazzione con rata più bassa.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 09-02-2013
buongiorno vorrei avere la seguente informazione: a fronte di uno stipendio su cui ci sono 2 trattenute di un quinto (entrambi pignoramenti) la seconda trattenuta si esercita su che base imponibile? stipendio totale o stipendio al netto della prima trattenuta? l'ente che elabora buste paghe per la mia azienda utilizza come imponibile lo stipendio compreso trasferte e premi produzione: e' corretto ? grazie
risposta:
Gentile Utente,
la base imponibile per il calcolo è sempre lo stipendio netto così come si evidenzia dal certificato di stipendio. Così, se si ha ad esempio cessione e prestito delega, le quote, pari entrambe ad un quinto dello stipendio, si equivarranno, essendo la base di calcolo comune.
Le trasferte e i premi produzione, così come qualsiasi una tantum, non devono essere inseriti nel calcolo della quota cedibile.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 30-01-2013
ma e pignorabile anche la trasferta e i premi?
risposta:
Gentile Utente,
no, la quota cedibile non è determinata su queste quote.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 06-01-2013
mi hanno pignorato il quinto dello stipendio a dicembre in quanto normalmente la mia busta paga al netto è di euro 1270 ma questo mese mi hanno dato un premio produzione e anche quello è andato nel calcolo i premi vengono tassati anche loro?
grazie
risposta:
Gentile Utente,
controlli bene, i premi non contribuiscono alla definizione del quinto pignorabile.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 20-12-2012
dal lordo detraggo irpef e oneri previdenziali oltre una trattenuta per riscatto laurea. E' giusto così o la trattenuta per il riscatto laurea non va considerata? E l'irpef va calcolata sulla media delle ritenute già effettuate o devo calcolarne una percentuale e quale?
risposta:
Gentile Utente,
in primo luogo la trattenuta deve essere considerata in quanto si interpone tra il Suo reddito lordo e quello netto.
Per quanto attiene alla percentuale Irpef può basarsi sullo scaglione equivalente a quello in cui è rientrato l'anno precedente al calcolo, ricavabile dal modello CUD.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 06-11-2012
Vorrei sapere le fonti normative che regolano la cessione seguita da pignoramento. Grazie
risposta:
Gentile Utente,
può consultare direttamente la legge 180/50 che istituisce e regola tale forma di prestito.
Il titolo V regola il concorso di più vincoli in capo ad un unico soggetto cedente.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 17-10-2012
se il mio stipendio è di 100, ho ceduto un quinto(20) e ho ottenuto un prestito delega,quindi un altro quinto (20)se non ho capito male, in questo caso non è più possibile subire pignoramenti oppure può essere pignorata la restante somma, pari ad euro 10, ottenuta dalla differenza tra la metà dello stipendio pari a 50 detratto il quinto e il prestito delega, grazie
risposta:
Gentile Utente,
è valida l'ultima osservazione, ovvero si può arrivare a pignoramento fino al 50% della retribuzione netta.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 11-10-2012
prendo stipendio netto 1450 euro .cessione di euro 300 .affitto casa 610 euro .qunto potrebbero pignorare se non pago la finanziaria
risposta:
Gentile Utente,
non è possibile interrompere arbitrariamente il pagamento delle rate di una cessione del quinto. Quindi la domanda ha senso se ipotizza di nonpagare una finanziaria per un altro prestito personale che ha in corso. In questo caso si può arrivare al pignoramento di un secondo quinto dello stipendio. Il pagamento dell'affito non influisce in alcun modo su questi pignoramenti.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 04-10-2012
Salve.ho 6 figli,ho un prestito su busta paga un 5° per intenderci,posso farmi unaltro 5° sulla busta?
grazie
risposta:
Gentile Utente, potrebbe riccorrere ad un prestito delega, ossia una prestito con ulteriore cessione del quinto.
A differenza della cessione del quinto, il prestito delega non le spetta di diritto: il datore di lavoro può, infatti, opporsi all'operazione.
Dovrà quindi verificare col Suo datore se la delega è fattibile o meno.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 01-10-2012
salve se in busta paga c'è la voce cessione del quinto sotto la colonna detrazione nel netto la rata è già stata detratta dal datore di lavoro?
risposta:
Gentile Utente,
si, il netto in busta paga, in presenza di cessione del quinto, è calcolato tenendo conto della rata che viene versata direttamente dal datore di lavoro.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 29-08-2012
nel calcolo del quinto dello stipendio nel netto si può anche inserire il credito da 730? grazie
risposta:
Gentile Utente,
no, tale voce non può essere inclusa nel calcolo della quota cedibile.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 11-07-2012
Buongiorno, faccio una domanda. da questo mese mi hanno fatto il pignoramento del 5° dello stipendio calcolando anche gli assegni familiari che prendo di mio figlio. (non si dovrebbe calcolare sul netto ma non conteggiando gli assegni di mio figlio?) poi....essendo che il prossimo mese ho il rimborso irpef (avendo fatto il 730) e anche le rate arretrate degli assegni familiari della mia 2° figlia (nata il 29/05) mi verrà calcolato sempre il 5° sul totale?? o quelli sono non pignorabili? grazie mille.
risposta:
Gentile Utente
gli assegni familiari non possono essere oggetto di pignoramento, come indicato nella legge 180/50 che istituisce la cessione del quinto.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 03-07-2012
Se una persona si trova all'improvviso un pignoramento in busta paga, senza sapere di che cosa si tratta, come fa ad ottenere informazioni a riguardo. L'azienda per cui lavora non dovrebbe produrre documentazione al dipendente? Grazie.
risposta:
Gentile Utente,
a prescindere dal fatto che, a seguito di pignoramento dovrebbero esserLe arrivate presso il Suo domicilio comunicazioni in merito, nessuno meglio della Sua amministrazione (datore di lavoro) può darLe ragguagli.
Cordialmente.
La redazione
-----
Domanda posta il 08-06-2012
sono sposato e due figli minori a carico ho uno stipendio netto di 1635 euro una cessione di quinto per 250 euro una delega per 315 euro per una finanziaria non pagata quanto mi possono pignorare?
risposta:
Gentile Utente,
il pignoramento complessivo (cessione del quinto più altri) non può mai superare il 50% dello stipendio.
Cordialmente.
La redazione
-----
Domanda posta il 05-06-2012
ho il quinto della mia pensione pignorata per un finanziamento,possono farne altra richiesta della quota per un debito vecchio da me non pagato
risposta:
Gentile Utente,
il pignoramento del secondo quinto per ottenere un prestito con delegazione di pagamento (o prestito delega) non viene effettuato sulla pensione ma solo sullo stipendio.
Cordialità.
La redazione
-----
Domanda posta il 07-05-2012
Mi è stato pignorato il 5° dello stipendio e il commercialista nel calcolo della quota cedibile mi ha incluso anche il rimborso chilometrico che ricevo dal mio datore di lavoro e altre spese a piè di lista. Non mi sembra corretto. Mi indicate qual'è la norma che prevede come effettuare il calcolo? Grazie
risposta:
Gentile Utente, la norma di riferimento per la cessione del quinto è la legge 180/50. Se il pignoramento in questione riguarda, appunto, la cessione del quinto, l'eventuale sopravvalutazione della quota cedibile non comporta un reale problema in quanto, per accedere al prestito, potrà tranquillamente utilizzare solo una parte, e non l'interezza, della quota. Grazie. La redazione
-----
Domanda posta il 07-03-2012
su uno stipendio netto pari ad euro 970 e con una cessione di euro 160 e un prestito di euro 200, quanto e' possibile pignorare per alimenti?
risposta:
Gentile Utente,
il pignoramento per alimenti, in presenza di un precedente pignoramento per cessione del quinto dello stipendio, non può superare un importo tale che, sommato al quinto ceduto, superi metà della retribuziome netta.
Nel Suo caso la metà della retribuzione è pari a 485 euro, la quota ceduta è di 160 euro, la quota pignorabile per alimenti è pari a 485 euro meno 160 euro, ossia 325 euro.
Per la rata gravante sul reddito a seguito del prestito personale, invece, non ci sono meccanismi così stringenti e non possiamo darle una indicazione al riguardo.
Cordialmente.
La rdazione
-----
Domanda posta il 02-01-2012
sul mio cedolino c'è scritto massimo cedibile euro 240. cosa significa?
Io non ho fatto nessun prestito.
A chi devo questi soldi e perchè?
Non dovrebbero comunicarmi qualcosa?
risposta:
Gentile Utente,
si tratta semplicemnte di una indicazione di quale è la quota massima cedibile per l'ottenimento di un prestito mediante cessione del quinto e/o di un prestito delega.
Il fatto che trovi la dicitura riportata sul cedolino non significa che quella quota verrà detratta dalla retribuzione.
Grazie.
La redazione
-----
Domanda posta il 15-05-2011
Chiedo cortesemente conferma circa l'esatto calcolo della quota cedibile su una pensione in presenza di un pignoramento esistente.
Imponibile -irpef-addizionali: 5 = x
x-pignoramento= quota cedibile.
In sostanza, il pignoramento bisogna sottrarlo prima o dopo aver diviso per 5?
Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti
risposta:
Gentile Utente,
il calcolo deve essere fatto alla luce di quanto disposto dall'art. 68 della legge 180/1950. La invitiamo a leggere la seguente pagina:
Cessione del quinto con pignoramento preesistente
dove potrà trovare esempi pratici di calcolo.
Grazie.
La redazione
Calcolo quota cedibile
Importo netto busta paga / cedolino pensione
Importo altri pignoramenti:
Status:
Quota cedibile: 0 euro
Domande alla redazione
Qualcosa non ti è chiaro su quanto scritto in questa pagina? Vuoi approfondire qualche aspetto dell'argomento?
Invia la tua domanda!